Alessandra Francesca Ferrari, architetto

L’Architetto è indispensabile. L’architettura è metamorfosi.

Sono nata nel 1963 in provincia di Mantova.
Ho vissuto in Marocco, a Milano, a Verona, nei primi 19 anni della mia vita.
Mi sono diplomata presso il Liceo Classico «Scipione Maffei» di Verona.
Ho vissuto a Venezia nell’intero periodo degli studi universitari, laureandomi presso lo IUAV in Architettura nel 1989.
Per 10 anni con la Austin Italia (engineering di casa madre americana con sede a Milano) come progettista e responsabile di progetto, lungo tutto il territorio nazionale, ho gestito in prima persona contatti, contratti, tempistiche e modalità esecutive.
Dal 1999, prima con altri professionisti poi col mio studio, nel corso degli anni ho sviluppato un’enorme quantità di collaborazioni ed incarichi di progettazione, per residenze, ristrutturazioni, restauri, opere pubbliche, piani di sviluppo, musealizzazioni, lavorando a tutte le scale di progetto, dallo spazio temporaneo alla pianificazione di territori complessi.
Sono stata Presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Bergamo nel 2014.
Sono Consigliere Nazionale dell’Ordine degli Architetti PPC, e coordinatrice del Dipartimento Cultura, per il quinquennio 2016-2020.


Marco Percassi, architetto

Ho due figli splendidi.

Sono nato a Bergamo nel 1963, mi sono laureato in Architettura presso il Politecnico di Milano con una tesi dal titolo: “Architettura della Morte. Danza Macabra come ‘media’ tra simbolo e messaggio ideologico ». Di contro, garantisco di perseguire il divertimento come regola di vita.
Ho aperto il mio primo studio nel 1990. Da allora, per committenze pubbliche e private, ho realizzato una imponente quantità di progetti di restauro, design, allestimento museali. Ho una predilezione per il restauro e recupero di edifici di interesse storico e architettonico.
Dal 1992 al 2013 ho progettato all’estero, soprattutto a Londra, nell’ex Unione Sovietica, in Nigeria, in Bulgaria.
Con particolare affetto ricordo il mio intervento con l’equipe che ha ristrutturato la Casa Bianca di Mosca dopo il bombardamento del 4 ottobre 1993.


Maria Laura Cinti, architetto

Stultum est dicere putabam. (Vanni Cinti)

Sono nata a Bergamo nel 1988. Mi sono laureata al Politecnico di Milano, frequentando la Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria. A partire dalla tesi di laurea, dedicata alla Teoria di presidi resistenti al fenomeno della gentrification nella città di New York, sto sviluppando studi sulle trasformazioni urbane attraverso la nobilitazione di quartieri, collegando in sequenza arte, recupero, rinascita, sviluppo. Per 5 anni ho messo la mia esperienza a servizio della moda allestendo showroom e sfilate per importanti case di moda. Non potendo citare le fonti per vincoli di contratti riguardanti il diritto intellettuale internazionale, a chiunque stia leggendo questo curriculum non resta che fidarsi delle mie parole.


Arianna Foresti, architetto

Rendete visibile quello che, senza di voi, forse non potrebbe mai essere visto. (R. Bresson)

Ormai da dieci anni svolgo la libera professione lavorando in prevalenza con privati e nel settore immobiliare. Collaboro con importanti enti e istituzioni provinciali e nazionali nel coordinamento di progetti culturali ed eventi e nell’allestimento di mostre ed esposizioni di arte, architettura e fotografia.
Dal 2009 al 2017 sono stata Consigliere dell’Ordine degli Architetti di Bergamo: dal 2012 a maggio 2017, Tesoriere e Segretario. Dal 2004 al 2012 sono stata Cultore della materia in Progettazione Architettonica presso il Politecnico di Milano.
Dal 1992 vanto collaborazioni con importanti architetti italiani, tra i quali Stefano Boeri, Cino Zucchi, Camillo Botticini nella partecipazione a concorsi e incarichi di progettazione.